Il progetto Rio Vaat si tratta di uno dei più importanti progetti speleologici italiani. Il Gruppo Speleologico Carnico, assieme al contributo del Club Alpino Triestino, si è occupato negli ultimi tre anni della caratterizzazione idrologica del complesso del monte Faeit ai piedi delle Alpi carniche. Il monte ospita un’importante grotta, la grotta Rio Vaat, che, grazie alla sua morfologia a sifone, permette di avere accesso diretto alla falda acquifera del Faeit, la quale costituisce una riserva d’acqua importantissima perchè provvede a servire di acqua potabile diversi comuni limitrofi. Il progetto è molto ambizioso, i volontari del progetto ogni mese collezionano dati da 18 sorgenti, dai pluviometri dislocati nella zona, e dalla sonda posizionata in grotta. Il progetto è solo ad una fase iniziale, ma iniziano già ad emergere interessanti risultati, si inizia a capire il motivo per cui la falda non va mai in secca anche dopo cinque mesi di siccità, e piano piano si sta delineando il profilo carsico della zona che è davvero spaventoso.

Leave a Reply